Lo sapevi che…

Il varicocele è una patologia conosciuta sin dai tempi antichi. Le prime descrizioni del varicocele risalgono ai tempi di Aulo Cornelio Celso (14 a.C.-37 d.C.), vissuto probabilmente nel settantennio comprendente l’impero di Augusto e di Tiberio. Secondo Plinio il Vecchio, scrittore romano definito “ cronista dell’epoca”, Aulo Cornelio Celso non fu medico di professione, nonostante ciò egli scrisse una vasta opera enciclopedica in 6 volumi, il De Artibus.  Il sesto volume dedicato alla medicina, il De re medica, è stato l’unico volume fortunosamente salvato e ritrovato dopo circa quattordici secoli da Papa Niccolò V nella chiesa di S. Ambrogio a Milano.

Nel De re medica, Aulo Cornelio Celso fece un’accurata descrizione del varicocele: “Le vene sono gonfie e attorcigliate al di sopra del testicolo che diventa più piccolo del suo compagno in quanto il suo nutrimento diventa insufficiente”.

Il termine “varicocele”, invece, fu introdotto per la prima volta da Curling nel 1843 e la prima terapia chirurgica per curare il varicocele, ossia la legatura alta della vena gonadica, fu applicata nel 1948 da Palomo.

Il legame tra varicocele ed infertilità maschile veniva ipotizzato già nel lontano 1952.

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart