Malformazioni associate

Le caratteristiche anatomiche riscontrabili a carico del pene ipospadico possono essere estremamente variabili e talora decisamente bizzarre. Bisogna, infatti, considerare come l’ipospadia rappresenti essenzialmente un difetto della virilizzazione dei genitali esterni dell’embrione e, come tale, presenta un ampio spettro di condizioni che vanno da genitali la cui anatomia ricorda quella femminile ad anomalie minime in cui l’unica alterazione visibile è rappresentata dalla sola schisi del prepuzio.

Gli studi embriologici finalizzati a definire l’eziologia della malformazione non hanno fornito una risposta completamente esaustiva. L’elemento chiave nella sua genesi consiste nell’arresto della chiusura della doccia uretrale e nella conseguente incompleta formazione del canale uretrale. A questa anomalia centrale si associano alterazioni degli altri elementi costitutivi del pene quali anomalie di sviluppo della fascia di Buck, del dartos e della cute peniena ventrale. Osservando il pene ipospadico è possibile osservare come il punto in cui inizia la separazione ventrale del prepuzio corrisponda all’arresto di sviluppo dell’uretra. A partire da questo punto la parte ventrale dell’asta risulta sprovvista dei normali elementi costitutivi ed è ricoperta da un esile epitelio tenacemente adeso all’albuginea dei corpi cavernosi. L’insufficiente sviluppo delle strutture descritte nella porzione ventrale dell’asta genera un incurvamento ventrale e la comparsa di tessuto fibroso anelastico a ridosso della porzione ventrale dell’albuginea peniena (“corda”).
Più il meato uretrale esterno è situato prossimalmente maggiore è l’entità dell’incurvamento. Lo stesso accade per quanto riguarda le dimensioni dell’asta che tendono ad essere tanto più ridotte quanto più si tratta di una forma prossimale.
Un’altra frequente anomalia, presente nelle forme più complesse di ipospadia, è la malformazione della borsa scrotale, analogo maschile delle grandi labbra femminili. Essa può essere separata in forma completa o parziale, in due borse distinte. Talora lo scroto assume il c.d. aspetto a cavaliere, rappresentato da un ponte tissutale che collega le due metà dello scroto al di sopra dell’asta.

Ipospadie distali

▪ glandulare

▪ coronale

▪ peniena distale

Ipospadie medie

▪ medio peniene

Ipospadie prossimali

▪ peniena prossimale

▪ peniena scrotale

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart